HOME

VULNERABILITA’ SISMICA

VERIFICA PROGETTAZIONE

ECOBONUS & SISMABONUS

PROGETTAZIONE

SERVIZI

I NOSTRI CORSI

LABORATORIO PROVE

> Ispezioni viadotti, cavalcavia e gallerie

> Rilievo laser scanner

> Sfondellamento dei solai

> STAZIONI RADIO BASE

> Manutenzione e verifica stazioni radio base

> DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO SICUREZZA

> Rilievo con drone

> Indagini geologiche e geotecniche

    CONTATTI

    INFO@PROGETTOPSC.COM

    Follow On

    EDIFICI

    > CONSOLIDAMENTO ESISTENTE

    > PROGETTAZIONE EX NOVO

    INFRASTRUTTURE

    > STAZIONI RADIO BASE

    > IMPIANTI

    > DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO SICUREZZA

    CND IN AMBITO CIVILE

    CND IN AMBITO INDUSTRIALE

    > TERMOGRAFIA

    > GEORADAR

    > PROVE DI CARICO

    > ULTRASUONI

    > VISUAL TESTING

    > LIQUIDI PENETRANTI

    > MAGNETOSCOPIA

    > TERMOGRAFIA MULTISETTORIALE

    CND IN AMBITO CIVILE

    CND IN AMBITO INDUSTRIALE

    > PROVE GEOFISICHE

    > TERMOGRAFICA CIVILE

    > GEORADAR

    > PROVE DI CARICO

    > ULTRASUONI

    > VISUAL TESTING

    > LIQUIDI PENETRANTI

    > MAGNETOSCOPIA

    > EGE

    > TERMOGRAFIA MULTISETTORIALE

    > FORMAZIONE PERSONALIZZATA PER AZIENDE

    Georadar

    Corso-indagini-georadar

    Corso d’indagini Georadar

    Il metodo d’indagine con Georadar, conosciuto anche come G.P.R. (Ground Probing Radar) consiste in un’indagine geofisica adatta alle basse profondità del sottosuolo. Si basa sulla generazione di onde elettromagnetiche (radiofrequenze) a bassa frequenza (per una maggiore penetrazione) oppure ad alta frequenza (per una migliore risoluzione e qualità dell’immagine radar). Le onde vengono inviate nel suolo e hanno il compito d’individuare le discontinuità dei segnali riflessi, messi in relazione al tempo impiegato per ritornare al ricevitore.

    Il metodo Georadar trova la sua applicazione ideale nell’analisi di strutture nascoste, cavità e sottoservizi, nel ricercare danni strutturali e posizioni di armature e nel dedurre gli spessori di rivestimento delle gallerie.

    Se desideri maggiori informazioni sulle lezioni online e sulle prove pratiche del percorso di formazione d’indagini con Georadar, ti invitiamo registrarti sulla piattaforma pensata appositamente. A seguito del superamento dell’esame finale, l’operatore potrà richiedere la Certificazione Bureau Veritas di II livello.

    Strumentazione utilizzata per eseguire la prova

    Il Georadar è uno strumento sviluppato per l’indagine non invasiva del terreno in alta risoluzione e in profondità. Rappresenta la più avanzata e sofisticata metodologia di indagine non distruttiva dedicata alla ricerca di servizi e strutture interrate. Il GPR utilizza brevi impulsi (1-2nsec) di onde elettromagnetiche ad alta frequenza (25MHz-2000 MHz) inviati nel sottosuolo per ricevere echi riflessi dalle superfici di discontinuità di materiali a differente caratteristica dielettrica, presenti all’interno del mezzo indagato.

    Applicazioni

    • Geologia e analisi ambientali: le applicazioni del Georadar nel campo ambientale e della geologia riguardano principalmente la ricostruzione delle stratigrafie superficiali del sottosuolo, l’analisi di siti contaminati e l’individuazione di manufatti sepolti. Utilizzando il georadar è possibile individuare la falda acquifera, i cambi di litologia, la presenza di fratture, cavità e di particolari contaminanti come ad esempio gli idrocarburi. E’, inoltre, possibile localizzare fusti e serbatoi sepolti.
    • Archeologia preventiva: utilizzando il Georadar è possibile individuare manufatti sepolti, mappare strutture e fondazioni in modo non invasivo, delineare il tracciato di strutture lineari, localizzare ambienti ipogei e tombe. La lettura delle stratigrafie superficiali tramite lo strumento permette di individuare anomalie nei livelli sepolti che possono indiziare piani di frequentazione antropica. Con interventi pianificati sul territorio è possibile ricavare una mappatura delle aree sensibili per ottenere una cartografia di dettaglio ai fini della prevenzione del rischio archeologico.
    • Strade e sottoservizi: uno dei campi principali di utilizzo del Georadar è l’individuazione e la localizzazione di tubazioni interrate. Ciò risulta necessario ai fini di una corretta progettazione per evitare rischi durante le fasi lavorative e il danneggiamento dei sottoservizi.
    • Ingegneria civile: le applicazioni del Georadar nel campo dell’ingegneria civile consistono nel controllo di elementi in calcestruzzo e muratura. È infatti possibile monitorare la presenza e la posizione di armature metalliche e localizzare fondazioni ed eventuali strutture di rinforzo interne alle murature.
    • Gallerie: un’altra applicazione del metodo GPR, nel campo della geologia tecnica e dell’ingegneria civile, il monitoraggio dei tunnel ferroviari e stradali nonché quelli finalizzati all’adduzione idrica. Le prestazioni in questi casi prevedono: la definizione di spessori del rivestimento in modo continuo e su ogni parte della sagoma, la presenza di vuoti ed altre anomalie nello stesso, la presenza di fratture, cavità e infiltrazioni nella roccia incassante, l’eventuale presenza di rivestimenti, centine, armature, ecc., e di tutte le caratteristiche connesse ai vari interventi che si effettuano normalmente in galleria.
    • Strade: le sedi stradali sono frequentemente investigate con il metodo radar. I controlli sono facilitati dal fatto che l’asfalto presenta bassi valori di permissività dielettrica consentendo di individuare i punti in cui è maggiormente sottoposto a subsidenza, poiché in queste circostanze si evidenzia la sovrapposizione degli strati apposti nelle varie fasi di intervento. La pratica comprende almeno tre differenti utilizzi del Georadar nel controllo delle sedi stradali: ricerca degli appoggi, ispezione dello spessore del manto impermeabile, ispezione della stratificazione costruttiva del corpo stradale e delle sue anomalie.
    • Indagini pre-scavo: Il Georadar offre in tempi brevi, e prima di iniziare gli schiavi, una mappatura del sottosuolo dell’area dove è necessario intervenire, sostituendo le tradizionali indagini geognostiche, più dispendiose e riducendo il rischio di imprevisti in fase di realizzazione dei lavori. In questo modo è possibile pianificare gli interventi evitando di intercettare eventuali manufatti e sottoservizi presenti nell’area di lavoro.

    Indipendentemente dal budget, dall’ambito o dall’importanza di un progetto, il conseguimento di informazioni precise sul sottosuolo offre una serie di vantaggi di fondamentale importanza:

    • Minimizzazione dell’impatto sul traffico veicolare;
    • Ottimizzazione degli scavi (scavare nel posto giusto al primo colpo);
    • Minimizzazione dei rischi di danneggiamenti;
    • Riduzione dei tempi di scavo;
    • Riduzione dei costi e dello sperpero di risorse.

    Il Georadar, essendo un’indagine non distruttiva e non invasiva, è in grado di fornire un’immagine del sottosuolo e delle strutture di rapida esecuzione, economica, oggettiva, verificabile e precisa, fornendo il 100% di copertura della zona di progetto.

    Normative di riferimento

    • UNI PdR 56:2019;
    • RILEM TC 127-MS: Tests for masonry materials and structures ASTM;
    • D6432-99 (R2005): Standard Guide for Using the Surface Ground Penetrating Radar Method for Subsurface Investigation.

    Per informazioni e dettagli sullo svolgimento del corso, visiona la scheda all’interno della piattaforma online. Per ogni altra evenienza, ti invitiamo a contattarci.

    PROGRAMMA DEL CORSO

    SEDE, DATE E ISCRIZIONI

    Lezioni-online-gpr-per-geologia-del-sottosuolo
    Corso-indagini-georadar-per-ingegneria-del-sottosuolo
    Corso-per-operatore-georadar-strutture-sottosuolo
    Corso-indagini-georadar-con-certificazione-bureau-veritas
    Lezioni-online-di-indagini-georadar
    Ricercare-danni-strutturali

    RICHIEDI INFORMAZIONI