PULL-OUT e PULL-OFF

PULL-OUT

Normativa di riferimento:

UNI EN 12504-3

Strumentazione utilizzata per eseguire la prova: 

Martinetto, pompa, tassello per pull-out, battitassello, trapano, punta svasata.

Applicazione:

Anche se la metodologia non può definirsi propriamente «non distruttiva» essa è molto utilizzata come «taratura preliminare» ed a completamento di qualsiasi campagna diagnostica per la valutazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo e per l’individuazione della composizione stratigrafica di solai e murature. Tipicamente, la prova di pull-out è riconosciuta come una delle tecniche più affidabili per la stima della resistenza del calcestruzzo in opera, sia in costruzioni nuove che esistenti.

Lo Stato Limite Ultimo indotto dall’estrazione dell’inserto dal calcestruzzo è una misura diretta della resistenza del materiale che può essere correlato, anche teoricamente con la resistenza a compressione.

La prova di pull-out consiste nella misura della forza necessaria ad estrarre un inserto metallico, con estremità allargata, ancorato nel calcestruzzo. L’estrazione dell’inserto determina, sulla superficie di rottura, uno Stato Limite Ultimo per taglio-trazione: la forza di estrazione misurata costituisce, quindi, una misura diretta della resistenza del materiale che può essere correlata, mediante specifiche curve di taratura, alla resistenza a compressione del materiale.

PULL-OFF

Normativa di riferimento:

ASTM D4541:17 Standard Test Method for Pull-Off Strength of Coatings Using Portable Adhesion Testers, ASTM D7234:12 Standard Test Method for Pull-Off Adhesion Strength of Coatings on Concrete Using Portable Pull-Off Adhesion Testers, UNI EN ISO 16276-1:2007 Protezione dalla corrosione di strutture di acciaio mediante sistemi di verniciatura – Valutazione e criteri di accettabilità dell’adesione/coesione – forza di rottura – di un rivestimento – Parte 1: Prova di adesione a strappo

Strumentazione utilizzata per eseguire la prova: 

Attrezzatura completa prevista dalla ASTM D4541-17, ASTM D7234-12 ed UNI EN ISO 16276-1: il macchinario utilizzato è un estrattore idraulico munito di dinamometro

Applicazione:

Consente di identificare la resistenza a trazione di un materiale o di un sistema edilizio o forza di adesione tra materiali diversi (intonaci, resine, malte, vernici) ed un supporto attraverso l’individuazione del carico di rottura per trazione di supporti metallici cilindrici, incollati alla superficie con particolari resine. Perché l’indagine costituisca insieme statisticamente valido e sia quindi correttamente eseguita per ciascuna posizione va estratto un campione di 5 dolly (supporti metallici cilindrici), eseguendo poi la media dei valori ultimi rilevati.

FORMAZIONE

Entrambe le metodologie prevedono la redazione di report d'indagine, un Esame Generale relativo alle conoscenze del materiale CLS e un Esame Specifico per verificare le conoscenze relative alla metodologia e alla sua applicazione. Il superamento dell'Esame prevede il rilascio della certificazione e del patentino di II livello in EST/PF (Prova di Estrazione o Pull-OUT e Prova di adesione, Pull-OFF). I metodi sono inseriti nel contesto delle indagini eseguite per la caratterizzazione del CLS in un corso e in una certificazione unica in quanto basate su principi simili.
Clicca e scopri la formazione.

Richiedi un PREVENTIVO

PROVE SUL CAMPO

Queste due prove vengono applicate al Calcestruzzo in opera. La prova di pull-out (EST) consiste nella misura della forza necessaria ad estrarre un inserto metallico, con estremità allargata, ancorato nel calcestruzzo. L’estrazione dell’inserto determina, sulla superficie di rottura, uno Stato Limite Ultimo per taglio-trazione: la forza di estrazione misurata costituisce, quindi, una misura diretta della resistenza del materiale che può essere correlata, mediante specifiche curve di taratura, alla resistenza a compressione del materiale. La prova di pull-off (PF) è utile per determinare la resistenza a trazione e allo strappo di intonaci, malte, altri tipi di rivestimenti di pareti in muratura o in conglomerato cementizio, compresi i materiali compositi utilizzati per il rinforzo strutturale.

Clicca e scopri le prove sul campo.

Richiedi un PREVENTIVO

TORNA SU