L'intera area dei controlli non distruttivi sta attraversando un periodo di rapido cambiamento, determinato dalla combinazione di fattori tecnologici, normativi ed economici, a livello mondiale. Le forze trainanti per i cambiamenti nelle pratiche CND comprendono l'introduzione di nuovi materiali e processi di fabbricazione, nuove tecniche di controllo e diversi approcci alla saldatura; inoltre, effettuando maggior pressione per ottenere un miglior rapporto costo-efficacia, e miglior qualità nella produzione, insieme alla volontà di estendere il tempo di invecchiamento delle strutture, vengono uniti più settori con lo scopo comune di ricerca e sviluppo nel campo delle tecniche di controllo non distruttivo e sulla loro attuazione.

Il controllo con Ultrasuoni è una metodologia di controllo volumetrico applicato sulle componenti in acciaio.

Il metodo di rivelazione dei difetti con ultrasuoni è l'applicazione tecnologica del fenomeno dell'eco. Questo è generato dalla riflessione delle onde sonore che rimbalzano contro la superficie di un ostacolo, e ritornano all'orecchio dell'ascoltatore. Nel controllo ad ultrasuoni le onde (ultrasonore e quindi non udibili dall'orecchio umano) sono generate sfruttando le proprietà piezoelettriche di alcuni materiali; queste proprietà consistono nella capacità di questi materiali di contrarsi e riespandersi quando sottoposti all'azione di un campo elettrico alternato.

Gli ultrasuoni trovano larga applicazione nel controllo delle saldature, delle fusioni di ghisa sferoidale, della presenza di inclusioni in prodotti di laminazione, degli spessori.

E’ una tecnica adatta per prove su componenti laminati (rulli, alberi, colonne delle presse, etc.), apparecchiature di potenza (turbine, rotori, condutture e componenti in pressione, componenti di reattori, etc.), componenti di veicoli, materiali per macchine, parti automobilistiche e particolari ferroviari, spessori di materiali e parti soggette ad usura.

In particolare gli Ultrasuoni vengono impiegati: 

  • sul prodotto finito;
  • sul processo di produzione;
  • su infrastrutture esposte ad usura.

 

L'operatore addetto a tale controllo deve essere obbligatoriamente certificato secondo la UNI EN ISO 9712:2012.

COME?

L'accesso alla piattaforma E-Learning sarà attivo dal momento dell'iscrizione . Sulla piattaforma saranno disponibili le video-spiegazioni delle normative di riferimento.

Aula

02

In Aula, dopo aver rivisto i concetti teorici attraverso il software multimediale Simula, si partirà con l'esercitazione vera e propria. Utilizzando il simulacro i sensori e trasduttori collegati alla centralina forniranno i dati. Essi dovranno essere interpretati ed analizzati.

Esame di Certificazione

03

L'esame prevede la somministrazione dei quiz e la produzione dei report e delle istruzioni operative.

  • Formazione completa
  • E-Learning training
  • Aula Frontale
  • Esercitazioni pratiche
  • Procedura

QUANDO?

Il calendario del Corso.

DOVE?

Dove si svolge la parte pratica.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI...

...vai alla pagina del Metodo

OPPURE CONTATTACI SENZA IMPEGNO

TORNA SU