SFOGLIA ONLINE IL CATALOGO INTERATTIVO CORSI&SERVIZI

La Termografia per il risparmio energetico

In che modo un operatore termografico di II livello può applicare la metodologia d'indagine agli infrarossi per contribuire al risparmio energetico?

La scarsità di fonti energetiche tradizionali come carbone, gas e petrolio hanno portato anche ad un innalzamento dei prezzi. Inoltre, si è diffusa la convinzione che non è possibile continuare ad inquinare il nostro pianeta utilizzando i carburanti fossili.

Nel futuro dell'edilizia ed in generale della sostenibilità energetica domestica ed aziendale si renderà sempre più necessario il risparmio energetico ed il graduale ma definitivo passaggio alle fonti energetiche rinnovabili.

Il Tecnico Termografico di II livello può contribuire in modo significativo al raggiungimento di tali traguardi nell'individuazione da una parte dei difetti di isolamento delle costruzioni e dei guasti agli impianti elettrici, di riscaldamento e idrici; e dall'altra applicando la la tecnica all'infrarosso per la manutenzione di impianti fotocvoltaici ed eolici.

Le termocamere per il mercato delle costruzioni sono strumenti potenti e non invasivi per il monitoraggio e la diagnosi delle condizioni di edifici, pannelli solari e turbine eoliche. Con una termocamera è possibile identificare precocemente i problemi, permettendo di documentarli e correggerli prima che diventino più gravi e costosi da riparare.

In questo modo il Tecnico può contribuire al risparmio energetico in ambito edile ed essere parte della produzione di energia rinnovabile solare ed eolica.

Le indagini diagnostiche realizzate con termocamera permettono di individuare numerose patologie edilizie quali difetti strutturali, infiltrazioni, zone d’umidità, muffa; ma le sue applicazioni sono innumerevoli: l’indagine Termografica non pone limiti, è ormai uno dei sistemi di ispezione non distruttiva più apprezzato ed ambito nel mondo industriale, civile e della ricerca.

Vai alla pagina di Termografia per sapere di più >

I SERVIZI TERMOGRAFICI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

Schermata 2016-02-09 alle 11.20.25

Questo edificio è più caldo all'interno. Si tratta di una costruzione a strati: calcestruzzo - isolamento - calcestruzzo. Manca una sezione di isolamento che non è possibile scorgere visivamente né dall’interno né dall’esterno. In questo caso la termografia ad infrarossi consente di vedere ciò che sfugge all'occhio umano.

 

La termografia è uno strumento eccezionale per individuare i difetti di un edificio quali la mancanza di isolamento, la sfaldatura dei rinzaffi ed i problemi di condensa. Oltre alla dispersione termica e il conseguente innalzamento delle bollette di energia elettrica, la presenza di umidità e muffe causa anche problemi igienici e di salubrità degli ambienti. La perizia tecnica prodotta dal Tecnico Certificato ha valore legale e può essere utilizzata per rivendicare al costruttore o al proprietario dell'immobile la mancata conformità della costruzione.

I difetti di isolamento coinvolgono:

  • difetti del cappotto di isolamento;
  • difetti nell'installazione dei serramenti;
  • problemi strutturali non visibili ad occhio nudo (ad es. finestre murate);
  • fenomeni fessurativi.

 

L'immagine mostra fughe d'aria tra il soffitto e la finestra.

L'immagine mostra fughe d'aria tra il soffitto e la finestra.

 

Le fughe d’aria determinano un maggior consumo energetico e spesso sono la causa di malfunzionamenti del sistema di ventilazione. Le fughe d'aria possono consentire anche la formazione di condensa che a sua volta pregiudica la climatizzazione interna.

Le  dispersioni di calore e di ponti termici dagli edifici vengono individuate allo scopo di progettare gli interventi necessari e circoscriverli per diminuire le spese di riscaldamento ed aumentare il confort abitativo.

 

I guasti in un sistema di teleriscaldamento sono chiaramente visibili con una termo- camera.

I guasti in un sistema di teleriscaldamento sono chiaramente visibili con una termo- camera.

Un'ispezione termografica è in grado di rilevare facilmente qualsiasi difetto o guasto nelle condutture o tubazioni di qualsiasi sistema di riscaldamento interrato.

Individuare il difetto permette di circoscrivere l'intervento di sostituzione a una sezione dell'impianto, evitando così demolizioni totali e conseguenti spese di ricostruzione.

Questo radiatore risulta in parte occluso da incrostazioni.

Questo radiatore risulta in parte occluso da incrostazioni.

 

Sono  molte le problematiche che coinvolgono gli impianti di riscaldamento. Se nel riscaldamento a pavimento è possibile individuare le tubazioni che non trasmettono correttamente il calore, nei termosifoni esterni è possibile, attraverso la termocamera, individuare le occlusioni che determinano un malfunzionamento del termosifone, che riscaldando meno del dovuto, provoca un inutile aumento dei consumi di gas ed elettricità e quindi un aumento della spesa energetica.

Inoltre, il malfunzionamento dei termosifoni provoca anche una riduzione dell'efficienza della caldaia che a lungo andare rischia rotture più frequenti e quindi necessità di sostituzioni e costose manutenzioni.

Le celle fotovoltaiche malfunzionamenti provocano un calo di efficienza di tutto il pannello.

Le celle fotovoltaiche malfunzionamenti provocano un calo di efficienza di tutto il pannello.

 

L'uso delle termocamere per la valutazione dei pannelli solari offre diversi vantaggi. Le anomalie sono facilmente individuabili su un'immagine nitida e ­ a differenza della maggior parte degli altri metodi ­ le termocamere possono essere utilizzate per effettuare l’ispezione di pannelli solari installati durante il loro normale funzionamento.

Con una termocamera, le potenziali aree problematiche possono essere individuate prima che si verifichino reali problemi o guasti.

Infine, le termocamere permettono di svolgere la scansione di aree di grandi dimensioni in un breve periodo di tempo.

 

Le aree di colore blu scuro / viola corrispondono a zone con umidità di risalita, mentre le aree gialle quelle con intonaco distaccato.

Le aree di colore blu scuro / viola corrispondono a zone con umidità di risalita, mentre le aree gialle quelle con intonaco distaccato.

 

L'umidità è la causa più comune di deterioramento di un edificio. Le infiltrazioni d'aria possono causare la formazione di condensa all’interno dei muri, nei pavimenti e nei soffitti. Un isolamento umido richiede molto tempo per asciugarsi e diventa un luogo di formazione di muffe e funghi. La naturale presenza di umidità nel terreno causa poi problemi di risalita capillare di acqua lungo le pareti murarie.

L'acqua risale dalle fondamenta e la sua diffusione dipende da fenomeni di capillarità oltre che dalla porosità dei muri e del terreno. La presenza di acqua in risalita causa anche distacchi di intonaco e conseguenti danni estetici, oltre che per la salute degli utenti.

Esistono delle soluzioni per contenere il problema, come ad esempio l'applicazione di intonaci aeranti o all'installazione di particolari barriere che impediscono all'acqua di risalire ancora lungo il muro, ma l'attuazione di tali metodi diventa dispendiosa se non è circoscritta all'area che è la fonte primaria del problema.

La termocamera permette di individuare l'ubicazione della fonte, la gravità della risalita e della diffusione, consentendo così un notevole risparmio economico e di tempo.

 

Uno dei fusibili si è surriscaldato e potrebbe causare un'incendio.

Uno dei fusibili si è surriscaldato e potrebbe causare un'incendio.

Qualunque edificio possiede un impianto elettrico. Le termocamere possono essere utilizzate per effettuare scansioni di quadri elettrici, fusibili, collegamenti e molto altro ancora.

I problemi elettrici così rilevati, invisibili all’occhio umano ma individuabili rapidamente con una termocamera, possono essere facilmente riparati.

Anche se questa analisi non è direttamente correlata con il risparmio energetico, lo diventa in quanto una mancata manutenzione può provocare un' incendio e quindi gravissimi danni economici.

 

TORNA SU